Sicilia, creazione e lo sviluppo di attività extra agricole.

Contributo a fondo perduto fino al 75% per la creazione e lo sviluppo di attività extra agricole.

L’operazione ha come obiettivo la diversificazione delle attività agricole verso attività extra – agricole, con la finalità di incrementare sia la redditività che la dimensione economica delle imprese agricole che diversificano le proprie attività, contribuendo al loro rafforzamento competitivo e migliorando la competitività dei produttori primari, integrandoli meglio nella filiera agroalimentare.

I beneficiari dell’operazione  sono gli agricoltori e i coadiuvanti familiari.

Tipologia di interventi ammissibili

1. Agricoltura sociale;

2. Agriturismo e diversificazione verso attività extra-agricole.

Tipologia di spese ammissibili

– ristrutturazione, recupero, riqualificazione e adeguamento di fabbricati e manufatti aziendali esistenti, e delle relative aree di pertinenza, per la diversificazione delle attività agricole verso attività extra-agricole;

– attrezzature specifiche e necessarie per l’attività sociale nell’ambito di un progetto di agricoltura sociale;

– installazione e ripristino di impianti termici e telefonici dei fabbricati;

– realizzazione di opere connesse al superamento di barriere architettoniche e di prevenzione dei rischi, rientranti negli investimenti riguardanti il miglioramento del bene immobile;

-opere e attrezzature connesse alle attività da realizzare;

– adozione di strutture, attrezzature, processi, servizi e tecnologie innovativi;

– interventi che rispondano ai criteri di sostenibilità ambientale;

– acquisto di hardware e software finalizzati alla gestione delle attività extra – agricole;

– acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e mobilio da destinare allo svolgimento degli interventi di progetto;

– realizzazione siti internet e di tutte le nuove forme di promozione online, ad esclusione dei costi gestionali;

– impianti di raccolta, cippatura, pellettizzazione e stoccaggio di biomasse agro-forestali;

– centrali termiche con caldaie alimentate prevalentemente a cippato o a pellets;

– piccoli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili;

– impianti ausiliari finalizzati alla realizzazione delle tipologie previste ai punti precedenti e impianti di co-generazione per la produzione combinata di elettricità e calore da fotovoltaico e minieolico con percentuale minima utilizzata di cogenerazione termica non inferiore al 40%;

– realizzazione e/o adeguamento di strutture e volumi tecnici necessari alla attività e di quanto occorre per l’allacciamento alle linee elettriche;

– la realizzazione o l’adattamento di locali destinati alla macellazione aziendale;

– le attrezzature occorrenti per un mini-macello, quali celle frigorifere, guide, profilati, ganci d’acciaio, e le attrezzature per la catena del freddo;

– spese generali e di progettazione collegate alle spese di cui ai punti precedenti nel limite massimo del 12% dell’importo dell’investimento ammissibile.

Entità e forma agevolazione

La dotazione finanziaria dell’operazione  è pari ad € 25.000.000,00.

Il sostegno previsto in tutta l’operazione è concesso con un’intensità di aiuto del 75%.

Scadenza

Le domande di partecipazione al bando possono essere presentate entro il  15.09.2017.

Contattaci per maggiori informazioni!